APS Sacro Cuore L'APS SACRO CUORE A PACOGNANO - PER LA SCUOLA DI FORMAZIONE SUL WELFARE

cool hit counter

Notice
  • UE - Direttiva e-Privacy

    Questo sito utilizza cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione, e per altre funzioni con fini statistici. Utilizzando il nostro sito accetti il fatto che possiamo caricare questo tipo di cookies nel tuo dispositivo. In mancanza di accettazione alcune funzioni potrebbero non funzionare correttamente.

Angolo del Parroco

Login

Registrati.

L'APS SACRO CUORE A PACOGNANO - PER LA SCUOLA DI FORMAZIONE SUL WELFARE PDF Stampa E-mail
Scritto da Massimo Rosario Marino   
Venerdì 05 Settembre 2014 17:44
Questo articolo è stato letto: 959 volte

“CPacognano44ON DON BOSCO UN'IMPRESA COMUNE PROGETTARE IL WELFARE AL SUD” è questo il titolo della tre giorni dal 31 agosto al 2 settembre  tenutasi nella splendida cornice di Pacognano;

Una iniziativa, dedicata agli operatori della carità che svolgono il loro servizio nelle realtà salesiane del sud, a cui ha partecipato anche un gruppo di giovani dell'Aps Sacro Cuore;

Una esperienza fortemente voluta e promossa dal neonato comitato interregionale SCS/CNOS Don Bosco al Sud e dalla Consulta per l'Emarginazione e il Disagio Giovanile. 

Nel corso della tre giorni numerosi sono stati i saluti e le relazioni presentante dai salesiani:

Don Stefano Martoglio

Consigliere regionale per la nuova regione Mediterranea

don Pasquale Cristiani

ispettore dei salesiani del meridione

don Giovanni D'Andrea

presidente CNOS/SCS salesiani per il sociale

don Tonino Palmese

Vicario Diocesi di Napoli

Caritas e legalità

don Fabio Bellino

delegato della pastorale giovanile del meridione

don Antonio Carbone

incaricato emarginazione e disagio

don Francesco Preite

Vice -presidente del comitato 

interregionale SCS/CNOS Don Bosco al Sud

Interventi arricchiti dall'importante presenza e relazione del dott. Porfido Monda

dirigente responsabile dell'ufficio di piano ambito N30

Docente universitario a Napoli corso di laurea in programmazione,amministrazione e gestione

delle politiche e dei servizi sociali

Ma i veri protagonisti di questi giorni sono stati come sempre, nello stile salesiano, loro: i giovani partecipanti, con i loro interrogativi, le loro preoccupazioni ed il loro entusiasmo, con il desiderio di conoscere, confrontarsi e crescere.

Dalle relazioni e dai  workshop su temi specifici sono emerse le difficoltà di operare nel sociale ma anche la grande passione educativa, la bellezza di servire il prossimo soprattutto i più bisognosi e  il desiderio di essere e formare buoni cristiani e onesti cittadini.

Nell'anno del bicentenario della nascita di don Bosco questa iniziativa è stata la prova di quanto ancora il messaggio salvifico di don Bosco a favore dei giovani sia attuale, utile e come questo continui oggi nell'era della digitalizzazione, con nuovi metodi ed iniziative attraverso l'impegno dei salesiani, degli oratoriani e di quanti amano don Bosco.

L'esperienza unica e nell’ auspicio di tutti presto ripetibile è stata una iniezione di fiducia per tutti, la dimostrazione di come al sud sia possibile, ispirati dagli insegnamenti di don Bosco, proporre, presentare e progettare una propria visione e stile del welfare  formandosi, dialogando con tutte le agenzie educative, con le istituzioni e impegnandosi, con tutte le realtà del territorio, nel fare rete.

"Get the Flash Player" "to see this gallery."

 


Share Link: Share Link: Facebook
Commenti (0)
Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti!
Salesiani Foggia
 
Copyright © 2017 Salesiani Foggia. Tutti i diritti riservati.