Notizie LETTERA APERTA AI CANDIDATI SINDACI E CONSIGLIERI COMUNALI DELLA CITTA’ DI FOGGIA

cool hit counter

Notice
  • UE - Direttiva e-Privacy

    Questo sito utilizza cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione, e per altre funzioni con fini statistici. Utilizzando il nostro sito accetti il fatto che possiamo caricare questo tipo di cookies nel tuo dispositivo. In mancanza di accettazione alcune funzioni potrebbero non funzionare correttamente.

Angolo del Parroco

Login

Registrati.

LETTERA APERTA AI CANDIDATI SINDACI E CONSIGLIERI COMUNALI DELLA CITTA’ DI FOGGIA PDF Stampa E-mail
Notizie
Scritto da Il Consiglio della Comunità Educativa Pastorale della Parrocchia Sacro Cuore   
Lunedì 12 Maggio 2014 09:04
Questo articolo è stato letto: 1023 volte

 

votoIl prossimo 25 maggio, andremo alle urne per scegliere il sindaco e consiglieri della nostra amata città.

 

La COMUNITÀ EDUCATIVA PASTORALE della parrocchia Sacro Cuore di Gesù di Foggia, con le associazioni ed i volontari che ne fanno parte, vuole proporre a tutti coloro che si candidano per servire la città, alcune riflessioni e suggerimenti che possano costituire motivo di discernimento e di impegno.

Come punto di partenza vogliamo ispirarci al “DOCUMENTO PER LA CITTÀ” prodotto dal coordinamento Foggi@inrete Cattolici in Movimento in occasione del rinnovo del consiglio comunale del 2009. Ben 4 delle associazioni che operano nella comunità hanno sottoscritto tale documento che, in modo sorprendente, presenta contenuti (quali la centralità della persona, l’attenzione al lavoro giovanile, la partecipazione delle associazioni e del mondo del volontariato alla “cosa pubblica”, la legalità per lo sviluppo, la funzionalità della Pubblica Amministrazione, la promozione della Cultura per dare un futuro), che riteniamo siano di straordinaria attualità e che vedono la nostra comunità in piena sintonia.

La nostra realtà è posta al crocevia tra tre grandi rioni popolari della periferia di Foggia: via Lucera - Croci nord - viale Candelaro, ambienti cosiddetti “a rischio” in quanto prevale la percezione dell’esistenza di situazioni di grande povertà e di emarginazione. Vi è la presenza di famiglie numerose e quindi con un'alta percentuale di bambini, ragazzi e giovani. La loro educazione è affidata alle scuole del territorio, dichiarate nel progetto ministeriale della P.I. "Scuole rischio", con pochissime agenzie educative poste nel territorio, dove comunque è ancora la strada che fa la parte del leone.

Purtroppo  le cronache cittadine, tanto nel recente passato, quanto negli ultimi giorni, riportano azioni di organizzazioni criminali che con le loro gesta minano il sistema democratico e lo sviluppo socio-economico dell’intera città.

 

I ragazzi e i giovani del nostro quartiere quotidianamente respirano un’aria dove si impone la cultura della illegalità e della prevaricazione mafiosa che spesso rende vano lo sforzo educativo di tanti (istituzioni e associazioni di volontariato) che cercano di dare orientamenti al fine di dare un contributo per “costruire” l’“onesto cittadino”.

In questo contesto sociale e culturale da più di 45 anni opera la Parrocchia Sacro Cuore affidata ai Salesiani di Don Bosco; con loro collaborano un nutrito gruppi di volontari (giovani e adulti) che credono nella possibilità di offrire opportunità di futuro a chi dalla vita ha avuto di meno. Per molti la Parrocchia diventa il solo luogo di riferimento.

Cuore pulsante della Parrocchia è l’Oratorio-Centro Giovanile quale ambiente di ampia accoglienza, aperto a una grande diversità di ragazzi e giovani, soprattutto ai più poveri e lontani, ai quali offre un’ampia varietà di proposte educative e di evangelizzazione.

Lo stile che connota la nostra azione si ispira al carisma salesiano che promuove un sistema di educazione integrale e preventiva dei ragazzi. Costante è la tensione a ricercare la collaborazione e la cooperazione con tutte le agenzie educative e gli enti preposti ed interessati ed alla promozione dei ragazzi.

Per questo ci rivolgiamo a voi, candidati che vi accingete ad affrontare la prossima tornata elettorale amministrativa, per affidarvi alcune questioni che da anni dicono “urgenza” nel nostro territorio e che necessitano di risposte concrete che non solo stanno a cuore alla nostra realtà ma che riteniamo qualificanti per il bene comune di Foggia e dei suoi abitanti.

Sull’esempio del nostro Santo fondatore Don Bosco, che ha educato generazioni di giovani in questi 150 anni di storia, ci sentiamo protagonisti e non spettatori nel compito di dare speranze di futuro ai giovani di questa città ma ci rendiamo conto che è necessario muoverci insieme.

Chiediamo non slogan o parole piene di fumo, ma una programmazione semplice, concreta, e soprattutto con la possibilità di controllo e di verifica dello stato dei fatti.

RECUPERO DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI

La possibilità di servirsi dei plessi non più utilizzati  per  mancanza  di alunni a vantaggio di attività sociali per giovani e anziani coinvolgendo associazioni e magari il personale in esubero dell'Ente Comune.

RIQUALIFICAZIONE DEGLI SPAZI URBANI

Eliminazione degli eco-mostri presenti in città come ad esempio le ormai storiche e  pericolose rovine del cantiere, presente nel quartiere Candelaro, dove prima sorgeva la scuola elementare Alessandro Manzoni e recupero degli spazi verdi esistenti: illuminazione, piantumazione di nuovi alberi, ecc…

VALORIZZAZIONE DELL’ESISTENTE VIRTUOSO

Valorizzazione e sostegno delle realtà che “funzionano” degli Enti che operano nei territori, soprattutto in quelli più difficili (Oratori parrocchiali, associazioni di volontariato, comitati di quartiere...) utilizzando la normativa vigente.

CULTURA E FORMAZIONE

Investire in cultura. Chiediamo a Foggia che riscopra le sue radici culturali, perché la Cultura può essere fonte di lavoro per i tanti giovani che, oggi, purtroppo, sono costretti a lasciare la nostra terra con il conseguente depauperamento del territorio. Zone come Via Lucera, Pantanella, Pantano, costituiscono un pezzo di storia della nostra città e devono essere recuperati e mantenuti in vita, perché Foggia  non può perdere la sua memoria storica e il suo passato.

Si tratta per noi di interventi di assoluta rilevanza - senza nulla togliere ad altre urgenti problematiche come quelle economiche - sui quali chi si candida a governare Foggia e il suo territorio non può tacere. Confidiamo nella vostra responsabilità.

Non ci attendiamo comizi o convocazioni… Una prima risposta concreta sarà per noi il poter leggere nei vostri programmi elettorali l’interesse per i temi sopra enunciati. Apprezzeremmo molto avere riscontro del nostro scritto sui media comunicativi che state utilizzando per le vostre campagne elettorali (siti di partito, facebook, twitter, ecc…) e naturalmente siamo disponibili a qualunque tipo di chiarimento e approfondimento sulle tematiche proposte.

Terminata la tornata elettorale saremo disponibili a dialogare, confrontarci e collaborare con chiunque sarà chiamato a governare la nostra città.

 

In attesa di un riscontro auguriamo buon lavoro.


Share Link: Share Link: Facebook
Commenti (0)
Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti!
Salesiani Foggia
 
Copyright © 2017 Salesiani Foggia. Tutti i diritti riservati.