Articoli Il Parroco augura e consiglia buone vacanze

cool hit counter

Notice
  • UE - Direttiva e-Privacy

    Questo sito utilizza cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione, e per altre funzioni con fini statistici. Utilizzando il nostro sito accetti il fatto che possiamo caricare questo tipo di cookies nel tuo dispositivo. In mancanza di accettazione alcune funzioni potrebbero non funzionare correttamente.

Angolo del Parroco

Login

Registrati.

Il Parroco augura e consiglia buone vacanze PDF Stampa E-mail
Angolo del Parroco
Scritto da don Antonio Gisonno   
Questo articolo è stato letto: 1175 volte

Carissimi,

arrivata le vacanze e l’estate vi voglio suggerire e offrire qualche pensiero e consiglio che può essere utile a grandi e piccoli per vivere serenamente e bene questo prezioso tempo dell’anno e della vita, vostra e di chi vive con voi e attorno a voi.

A questo scopo prendo in prestito da Don Bosco in persona Consigli e Suggerimenti che possono certamente far bene sia all’anima che al corpo.

 

I CONSIGLI DI DON BOSCO PER LE VACANZE

"Voglio raccomandarvi alcune cose, perché possiate trascorrere bene le vostre vacanze. State ben attenti che troppo spesso le vacanze sono la vendemmia del diavolo. Pertanto vi raccomando:

- Guardatevi dai compagni che sono soliti fare discorsi non buoni e cose che non vanno bene.

- Non frequentate i luoghi pericolosi dove si bestemmia, si dicono parole cattive e a volte proprio sporche, atte a suscitare cattivi pensieri...

+ Procurate di avere assolutamente qualche spazio di tempo alla domenica per andare alla Messa e accostarvi ai Santi Sacramenti della confessione e della comunione.

+ Ogni giorno dite le vostre orazioni mattino e sera ritornerete tutti sani ed allegri, riprenderete un altro anno di studio e lavoro...

Questo vi raccomando da padre che ama molto i suoi figli... Intanto vi auguro felici vacanze e arrivederci. " (cfr MB 12,363 ss e 13,427 ss).

 

Inoltre riflettere su

Rapporto con Dio

Ringraziamento per l’anno formativo e scolastico, per le cose belle imparate, per le esperienze di amicizia vissute, per la possibilità di essersi avvicinati di più al Signore. Farsi un “piano spirituale” per l’estate: ogni giorno: preghiera quotidiana ogni settimana: messa domenicale (o serale del sabato)ogni mese: confessione

Rapporto con gli altri

Durante le vacanze estive ho più tempo per stare con i miei familiari (genitori, fratelli, parenti che vivono con me…): cerco di trovarmi piccoli lavoretti e servizi che mi tengano impegnato e che soprattutto mi facciano crescere in generosità. Attenzione agli altri.

Rapporto con me stesso

Don Bosco diceva ai suoi ragazzi che le vacanze sono – o possono essere – il tempo dell’ozio,che è capo di tutti i vizi (lontano dagli occhi, lontano dal cuore…!).Progettare la propria estate in modo equilibrato: riposo, compiti, sana allegria, amicizie, hobby…

Consigli utili a grandi  e piccoli

• Guardatevi dai compagni che sono soliti fare discorsi non buoni e cose che non vanno bene. Se andate con questi compagni, cadrete in una lacrimevole rovina. Vi sarà qualcuno che in presenza vostra incomincerà un discorso o contro la religione o contro i buoni costumi. Ebbene, lasciatelo, piantatelo lì, ditegli pure francamente: io il nome di cristiano non lo voglio sporcare... E così dite di qualunque altro male o peccato. È un impostore colui che si professa cristiano e non agisce come tale.

• Non frequentate i luoghi pericolosi dove si bestemmia, si dicono parole cattive e a volte proprio sporche, atte a suscitare cattivi pensieri... Certuni sentono parlare un compagno che dice cose indecenti, coprendole con belle frasi, ed essi sorridono e, se non è questa volta è un’altra anch’essi danno corda ai ragionamenti di uno sboccato. Quel primo sorriso fu l’atto di arrendersi al nemico. Viene loro tra le mani un brutto libro e cominciano a guardare la copertina, poi a leggere... poi frequenta sempre di più quegli ambienti, quei compagni e amici... non prega più perché ha perso l’orrore del peccato, si lascia vincere dal rispetto umano. Insomma, poco a poco finisce col cadere miseramente... Anch’io fui giovane come voi, e per mia disgrazia mi sono anche trovato nei pericoli nei quali vi trovate voi. Credete alla mia esperienza, alle mie parole.

• Non state in ozio! Continuate a studiare e leggere. A tutti rimane sempre qualche materia che non si è potuto studiare abbastanza durante l’anno: in questo tempo ripassatela con maggiore attenzione. Ma notate ancora che per imparare è necessario leggere, leggere libri molto utili; tante volte questa cosa lungo l’anno non si può fare. Ma leggete per imparare non per sola curiosità. Lo si faccia adesso che avete tempo... Così non rimanete in ozio. Ricordatevi l’avviso dello Spirito Santo di non perdere neppure un minuto di tempo. Oh, se io fossi giovane come vorrei impiegarlo meglio il mio tempo. Allora ne avevo, adesso non l’ho più e non potrò più averlo e non mi rimane più altro che raccomandare a voi di occupare bene il tempo ora che l’avete.

• Aiutate i vostri genitori che per voi lavorano tutto l’anno. Rendetevi utili alla vostra casa, alle vostre famiglie... Certo, vi dovete anche riposare e divertire, ma mai a danno della vostra anima... E curate la vostra salute...


Share Link: Share Link: Facebook
Commenti (0)
Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti!
Salesiani Foggia
 
Copyright © 2017 Salesiani Foggia. Tutti i diritti riservati.