Oratorio "Conoscendo e imitando Don Bosco, facciamo dei giovani la missione della nostra vita"

cool hit counter

Notice
  • UE - Direttiva e-Privacy

    Questo sito utilizza cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione, e per altre funzioni con fini statistici. Utilizzando il nostro sito accetti il fatto che possiamo caricare questo tipo di cookies nel tuo dispositivo. In mancanza di accettazione alcune funzioni potrebbero non funzionare correttamente.

Angolo del Parroco

Login

Registrati.

"Conoscendo e imitando Don Bosco, facciamo dei giovani la missione della nostra vita" PDF Stampa E-mail
Oratorio
Scritto da Rosario Massimo Marino   
Questo articolo è stato letto: 1385 volte

Conferenza

A conclusione degli intensi festeggiamenti in onore di San Giovanni Bosco, venerdì 10 febbraio presso la Sala Mons. Farina, si è tenuta la conferenza cittadina dei salesiani, un appuntamento ormai divenuto tradizione per la città di Foggia;

Infatti fin dal 1988 ( in occasione del centenario della morte di don Bosco)  i figli di don Bosco attraverso le numerose realtà della famiglia salesiana della parrocchia del Sacro Cuore: l'associazione Salesiani Cooperatori, l'Unione Ex-allievi don Bosco, l'associazione di Maria Ausiliatrice, l'associazione di promozione sociale "Sacro Cuore", i salesiani di don Bosco, il Movimento Giovanile Salesiano e l’associazione dei ministranti salesiani, promuovono la conferenza cittadina sulla strenna del Rettore Maggiore; un messaggio, un dono che ogni anno il successore di don Bosco regala alla famiglia salesiana.

Quest’anno infatti il IX successore di don Bosco, don Pasqual Chavez, ha incentrato le sue riflessioni sull’importanza storica di Don Bosco, intitolando la strenna 2012:

 

 

«Io sono il buon pastore. Il buon pastore offre la vita per le pecore» (Gv 10,11)

"Conoscendo e imitando Don Bosco, facciamo dei giovani la missione della nostra vita"

Una conferenza, quella di quest’anno,  molto importante per i salesiani perché ha dato inizio al triennio di preparazione al bicentenario della nascita di Don Bosco tutto centrato sulla conoscenza della sua storia, sulle vicende della sua vita, sull’ educatore e pastore, fondatore, guida, una conoscenza che conduce all’amore e all’imitazione.

Nonostante un gelido pomeriggio e una insolita Foggia innevata, numerosi sono stati i partecipanti all’evento, che a inizio conferenza sono stati salutati calorosamente dal direttore dei salesiani don Gino Cella e dalla comunità salesiana: don Antonio Gisonno, don Mimmo Lombardi e Pino Pizzata, tra questi molti giovani ed in rappresentanza dell’istituzioni l’assessore alle politiche sociali Pasquale Pellegrino; Un particolare ringraziamento inoltre è stato riservato a don Antonio Sacco,  per aver ospitato l’incontro nell’accogliente sala della comunità Mons. Farina;

A guidare l’assemblea, presentato dal direttore, un relatore d’eccezione don Enrico Peretti, sdb

Delegato nazionale Famiglia Salesiana, Federazione SCS/CNOS (Servizi Civili e Sociali – Centro Nazionale Opere Salesiane) – Salesiani per il sociale.

Durante la conferenza molteplici le provocazioni del relatore che con passione e competenza ha offerto forti spunti di riflessione ricordando alcuni brani fondamentali del messaggio di don Pasqual Chavez per questo nuovo anno:

“Essere fedeli a don Bosco e alla sua missione significa coltivare in noi un amore costante e forte nei confronti dei giovani, specialmente i più poveri.

Tale amore ci porta a rispondere ai loro bisogni più urgenti e profondi. Come Don Bosco ci sentiamo toccati dalle loro situazioni di difficoltà: la povertà, il lavoro minorile, lo sfruttamento sessuale, la mancanza di educazione e di formazione professionale, l’inserimento nel mondo del lavoro, la poca fiducia in se stessi, la paura davanti al futuro, lo smarrimento del senso della vita.

Con affetto profondo e amore disinteressato cerchiamo di essere presenti in mezzo a loro con discrezione e autorevolezza, offrendo proposte valide per il loro cammino, le loro scelte di vita e la loro felicità presente e futura; in tutto ciò ci rendiamo loro compagni di cammino e guide competenti.

 

In particolare, riferendoci ai giovani di oggi, cerchiamo di comprendere il loro nuovo modo di essere. Molti di loro sono dei “digital natives” che attraverso le nuove tecnologie cercano esperienze di mobilitazione sociale, possibilità di sviluppo intellettuale, elementi di progresso economico, forme di comunicazione istantanea, opportunità di protagonismo … Anche in questo campo vogliamo condividere la loro vita ed i loro interessi. Animati dallo spirito creativo di Don Bosco, noi educatori, ci facciamo vicini come “digital immigrates”, cercando di aiutarli a superare il gap generazionale con i loro genitori o il mondo degli adulti.

 

Anche oggi, o forse oggi più che mai, Don Bosco si pone domande. Attraverso la conoscenza della sua storia, dobbiamo ascoltare gli interrogativi di Don Bosco rivolti a noi.

v    Cosa possiamo fare di più per i giovani poveri?

v    Quali sono le nuove frontiere nella regione dove lavoriamo, nel paese in cui viviamo?

v    Abbiamo orecchi per ascoltare il grido dei giovani di oggi?

v    Oltre alle già citate povertà, quante altre appesantiscono il cammino dei giovani di oggi?

v    Quali sono le nuove frontiere in cui oggi dobbiamo impegnarci? “

 

Situazioni che come evidenziato da don Peretti non possono sfiduciare, ma che devono invece interrogare, sfidare e motivare ogni battezzato, chiamato a testimoniare la speranza, la gioia, l’ottimismo, un ottimismo vero che nasce dall’incontro con Cristo e da una profonda  conoscenza di don Bosco .

Al termine della conferenza il saluto e le conclusioni del direttore don Gino Cella, che nel ringraziare i presenti per aver partecipato, ha ricordato l’impegno dei religiosi e laici di don Bosco nella grande e difficile sfida dell’educazione e dell’evangelizzazione, missione e vocazione a cui tutti i membri della famiglia salesiana quotidianamente sono chiamati.

"Get the Flash Player" "to see this gallery."


Share Link: Share Link: Facebook
Commenti (0)
Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti!
Salesiani Foggia
 
Copyright © 2017 Salesiani Foggia. Tutti i diritti riservati.