Oratorio BACK TO VALDOCCO: RITORNO ALLE ORIGINI

cool hit counter

Notice
  • UE - Direttiva e-Privacy

    Questo sito utilizza cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione, e per altre funzioni con fini statistici. Utilizzando il nostro sito accetti il fatto che possiamo caricare questo tipo di cookies nel tuo dispositivo. In mancanza di accettazione alcune funzioni potrebbero non funzionare correttamente.

Angolo del Parroco

Login

Registrati.

BACK TO VALDOCCO: RITORNO ALLE ORIGINI PDF Stampa E-mail
Oratorio
Scritto da Luigi Moreo   
Questo articolo è stato letto: 1222 volte

Back to Valdocco è stato il titolo della festa mgs preadolescenti, tenutasi a Santeramo, che ha coinvolto tanti ragazzi delle scuole medie provenienti dagli oratori della Puglia.

La prima bella novità di questa esperienza è stata la scelta di fare il viaggio in comune con i ragazzi dell’oratorio di San Severo, animato dalle suore FMA, convivendo con loro l’attesa di vivere una giornata spensierata ed allegra.

La festa MGS preadolescenti è iniziata con un bel momento di accoglienza animato dagli animatori di Santeramo, successivamente i ragazzi sono stati coinvolti in un flash mob divertentissimo, infatti tutti gli animatori si sono presentati vestiti da don Bosco, Mamma Margherita, Maria Mazzarello e come i ragazzi dell’oratorio di Valdocco. Si è creato così un clima particolare nel quale tutti si sono sentiti catapultati a due secoli fa a Valdocco ed è stato come vivere una giornata accanto a Don Bosco, respirare la sua stessa aria.

 

I giochi hanno avuto subito inizio e divisi in tante squadre, ogni ragazzo ha potuto partecipare ai giochi della tradizione oratoriana e dimenticare per un attimo i più sofisticati videogames per comprendere che anche con i giochi di qualche anno fa è possibile divertirsi e far nascere delle belle amicizie.

Nel pomeriggio i tanti partecipanti hanno sfilato per la città di Santeramo con degli striscioni colorati che raccontavano come, nonostante i 150 anni della Congregazione Salesiana lo spirito di don Bosco è vivo e presente nei nostri oratori. Dopo la Santa Messa è stato il momento dei saluti e

come spesso capita in queste occasioni il viaggio di ritorno è stato un momento per condividere le tante emozioni che la giornata ha regalato e per ringraziare chi continua il sogno di un sacerdote di Torino con tanti sforzi e con qualche sofferenza. Perché don Bosco vive nei nostri oratori e la sua missione continua.


Share Link: Share Link: Facebook
Commenti (0)
Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti!
Salesiani Foggia
 
Copyright © 2017 Salesiani Foggia. Tutti i diritti riservati.